Autori

Tags

Related Posts

Share This

ABILITAZIONE MEDICA, PROSPETTIVE FUTURE E CONFRONTO INTERNAZIONALE

Per scaricare il documento dettagliato, clicca qui!

Premessa: In cosa consiste l’abilitazione medica in Italia oggi

Al momento attuale il conseguimento della Laurea in Medicina e Chirurgia è il risultato del superamento di tutti gli esami di profitto previsti dall’ Ordinamento Didattico, dello svolgimento delle attività professionalizzanti previste e delle attività a scelta dello studente, in associazione con la presentazione e valutazione della Tesi di Laurea. Con essa si certifica il titolo di “Dottore in Medicina e Chirurgia”. Tuttavia il conseguimento di tale titolo non coincide con l’abilitazione allo svolgimento della professione medica, certificazione che il neo-laureato è chiamato a conseguire successivamente, attraverso un periodo di tirocinio valutativo in contesto medico, chirurgico e di medicina generale, della durata di tre mesi, associato ad una valutazione finale delle conoscenze e delle competenze teoriche. Il superamento del tirocinio e della prova finale comportano, quindi, l’abilitazione alla professione medica e l’iscrizione all’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri Provinciale. Solo dopo il tirocinio e il superamento della prova finale è possibile esercitare la professione e/o iniziare un percorso formativo post-laurea che richieda lo svolgimento di attività clinica.
L’attuale sistema di abilitazione, comporta quindi l’attesa, da parte del neo-laureato del tempo necessario a potersi iscrivere all’esame di Stato, che si svolge in due sessioni ogni anno: tra Aprile e Luglio e tra Novembre e Febbraio.

Che cos’è la laurea abilitante?

Per Laurea Abilitante, invece, si intende un momento finale del percorso universitario, in cui, oltre al conseguimento del titolo Accademico, si certifichi anche l’abilitazione alla professione. Affinchè questo sia possibile, però, è necessario che, in aggiunta al superamento degli esami e alla presentazione della tesi di laurea, il candidato sia valutato per verificare l’acquisizione delle competenze cliniche (teoriche, pratiche e comportamentali) necessarie all’ espletamento della professione. Ripensare la Laurea in Medicina e Chirurgia rendendola “abilitante” significherà quindi individuare modalità e tempi della valutazione di tali competenze.

L’abilitazione all’estero

Di seguito una sintesi delle modalità di accesso alle scuole di specializzazione dei principali Paesi europei, Canada e USA.
La decisione di prendere in esame altri Ordinamenti Didattici europei ed extraeuropei ha lo scopo di fare una panoramica sulla diversità esistente nella formazione medica internazionale e dei suoi relativi vantaggi.

Canada

La parte I del Medical Council of Canada Qualifying Examination è un test computerizzato di un giorno, che valuta le competenze dei candidati per entrare nella pratica clinica supervisionata nei programmi di tirocinio post laurea.
Il test valuta le conoscenze, abilità cliniche ed attitudini. Il candidato ha una sessione di 3 ore e mezza al mattino per completare 196 domande a scelta multipla e 4 ore nella sessione pomeridiana per la componente clinica, che consiste in domande con risposta aperta e breve.

Danimarca

In Danimarca, dopo la laurea bisogna frequentare dei tirocini di 6+6 mesi in: chirurgia, medicina, psichiatria o medicina generale.
Durante l’ultimo semestre il Board of Health distribuisce a ciascuno studente, in procinto di laurearsi, un numero. In base al numero ricevuto, si può avere la priorità tra ospedali collocati in tutta la Danimarca e tra diverse combinazioni di reparti (es ortopedia e medicina interna ad Ovest, urologia e psichiatria a Copenaghen ecc).
Dopo questi 6 mesi si può applicare per l’autorizzazione danese come MD.

Finlandia

Dopo la laurea si può iniziare subito a lavorare e a scrivere ricette mediche. Non esiste l’esame di abilitazione, né tirocinio. Gli studenti fanno periodi (pagati) durante il corso di studi. Una volta laureati, sono medici a tutti gli effetti.

Germania

L’abilitazione alla professione di medico in Germania é da diversi anni incorporata nella laurea. Essendo il piano di studi incentrato molto sulla pratica (4 mesi di tirocinio nelle “ferie” e il sesto anno completamente in reparto) e gli esami di stato intercalati in diverse tappe durante l’iter studentesco, non sono necessari altri passi per abilitarsi.
I criteri per il rilascio dell’abilitazione all’esercizio della professione variano di regione in regione.

Grecia

In Grecia bisogna soltanto fare domanda per ottenere la licenza dopo la laurea. Non ci sono esami o altro, solo burocrazia.

Polonia

Dopo la laurea, lo studente, per ottenere l’abilitazione, deve fare un tirocinio pratico di 13 mesi, dopo il quale deve superare un esame finale.
Per gli immatricolati dal 2013, però, le cose stanno cambiando, in quanto gli studenti otterranno la piena abilitazione dopo la laurea con il solo superamento di un esame.

Portogallo

Dopo la laurea è necessario svolgere un anno di pratica prima di poter sostenere un concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione.
Questo anno è valutato alla fine di ciascuna turnazione di tirocinio, usando un metodo “superato/ non superato”.

Romania

L’esame di laurea risulta costituito da una parte teorica, una parte pratica ed una di ricerca, che deve essere presentata davanti ad una commissione. Superato l’esame gli studenti sono abilitati, ma con licenza limitata perchè non possono essere assunti da nessuna parte. Successivamente possono accedere, come accade in Italia, all’esame di Specializzazione.

Spagna

Il titolo accademico risulta essere già abilitante.

Svezia

Dopo la laurea gli svedesi possono abilitarsi dopo aver svolto un tirocinio pratico formativo (AT o allmäntjänstgöring, tirocinio generale) della durata di due anni e dopo aver superato, al termine dei due anni di AT, l’esame di Stato svedese, che al pari di quello italiano è riconosciuto in tutta la UE.

Svizzera

La Legge sulle Professioni Mediche armonizza a livello nazionale le condizioni per il rilascio delle autorizzazioni cantonali all’esercizio della professione. Le procedure vengono semplificate dall’introduzione di un registro delle professioni mediche universitarie che, oltre che a informare i Cantoni e i pazienti, tutela i pazienti, assicura la qualità, fornisce dati statistici e mostra la distribuzione dei medici sul territorio. La legge disciplina inoltre il riconoscimento dei diplomi e dei titoli di perfezionamento stranieri.

Art. 1 Rilascio dei diplomi federali

1 I diplomi federali per le professioni mediche sono rilasciati dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).
Essi sono firmati dal capo del Dipartimento federale dell’interno (DFI) e dal presidente della commissione d’esame competente.
Il diploma è rilasciato sotto forma di documento e di tessera plastificata.
Non è rilasciato alcun nuovo diploma in caso di perdita dello stesso o di modifiche dello stato civile. Può essere richiesto un duplicato o un facsimile al segretariato della Commissione delle professioni mediche, sezione «Formazione». Il duplicato e il facsimile recano la firma del direttore dell’UFSP.

UK

Un neo-laureato si iscrive tramite recruitment nazionale al foundation programme (FP), un tirocinio regolamente stipendiato della durata di due anni.
Il FP è un programma di formazione per tutti i medici laureati in UK. Il programma è diviso in 2 anni: F1 (foundation year 1) e F2 (foundation year 2); dopo il primo anno (F1) il candidato può applicare alla full-registration al GMC (General Medical Council), l’equivalente del nostro nostro Ordine dei Medici, per poi completare il secondo anno (F2). Il FP è stato introdotto affinché tutti i nuovi medici acquisissero una appropriato addestramento e valutazione (training and assessment) in tutte le competenze basilari della professione medica (sia cliniche che non cliniche) e coincide con i 3 mesi di tirocinio valutativo post-laurea italiani.
Al termine di questo percorso il giovane medico in formazione riceverà la certificazione delle competenze apprese (foundation competences) e sarà, eventualmente, eleggibile per entrare nel percorso di specializzazione vero e proprio.

USA

Per conseguire l’abilitazione all’esercizio della professione medica è necessario il superamento degli step I e II (CK e CS) dell’ USMLE: lo step I certifica la preparazione di base, lo step II CK nelle conoscenze cliniche e lo step II CS valuta la capacità del medico di comunicare con il paziente e di sottoporlo ad un esame clinico. Lo step III concerne l’impostazione di un piano diagnostico-terapeutico e di riabilitazione o reintegrazione, permettendo lo svolgimento della pratica clinica senza supervisione.

Conclusioni

Da quanto emerso analizzando il percorso post-laurea in alcuni Paesi europei e del Nord America, si nota che in alcuni di essi la Laurea in Medicina e Chirurgia è abilitante, mentre in altri è necessario svolgere un periodo di tirocinio ed esame di abilitazione finale.

Nei Paesi in cui la Laurea è abilitante, è di rilevante importanza la diversa organizzazione del percorso formativo e dei tirocini svolti rispetto a quanto avviene al momento in Italia, soprattutto per l’importanza attribuita alla parte pratica.

La nostra associazione di studenti in Medicina riconosce nell’abilitazione alla professione medica un momento importante per valutare e certificare le competenze acquisite durante il percorso pre-laurea. In quanto tale, siamo convinti che ripensare tale momento collocandolo nel percorso pre-laurea rappresenti un’occasione importante, non solo per rendere più dinamico il percorso formativo medico, riducendo i tempi di attesa tra laurea e inizio del percorso formativo post-laurea, ma anche per influenzare positivamente l’insegnamento e l’acquisizione di competenze durante il percorso formativo pre-laurea, influenzato da tale valutazione finale.

Si deve inoltre considerare che esistono numerose differenze nell’organizzazione dei piani di studio in Medicina e Chirurgia adottati nelle Università Italiane. Preso atto di ciò, una delle sfide maggiori sarà la standardizzazione dei criteri valutativi ai fini del conseguimento dell’abilitazione professionale e, di conseguenza, l’omogeneizzazione degli obiettivi formativi, della struttura e dei contenuti minimi dei diversi corsi di Laurea. Riteniamo necessario questo processo per il carattere nazionale dell’esame di accesso alla Scuola di Specializzazione, destinazione quasi naturale del medico neoabilitato, in cui la preparazione universitaria è un fattore determinante. A più forte ragione riteniamo, infine, urgente l’attivazione di questo processo, in luce della prevista incorporazione dell’ abilitazione professionale nel percorso universitario, al fine di garantire un’ omogenea ed elevata qualità di cura in ogni Regione d’Italia e a ogni persona, da parte di ogni medico.

FONTI

  • Canada

http://mcc.ca/examinations/mccqe-part-i/

  • Danimarca:

http://www.doctorsinfuga.it/forum/viewtopic.php?f=14&t=100

http://www.sst.dk/English/Education_and … octor.aspx

  • Finlandia:

https://trapanimartino.wordpress.com/2011/06/06/fare-il-medico-in-finlandia/?blogsub=confirming#blog_subscription-3

  • Germania

http://www.bundesaerztekammer.de/downloads

http://www.ingermania.it/esercitare-la-professione-medica-in-germania/

http://www.rom.diplo.de/contentblob/3235866/Daten/3281829/ARZT_in_DEU.pdf

http://www.giovanimedici.com/index.php?option=com_kunena&view=topic&catid=591&id=190251&Itemid=28

  • Portogallo

http://www.giovanemedico.it/index.php?option=com_content&view=category&layout=blog&id=144&Itemid=224

http://www.giovanimedici.com/index.php?option=com_kunena&view=topic&catid=637&id=173764&Itemid=28

  • Spagna

http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1575-18132008000300003

  • Svezia

https://www.ifmsa.se/

  • Svizzera

http://www.bag.admin.ch/themen/berufe/13932/index.html?lang=it

http://www.bag.admin.ch/themen/berufe/00993/index.html?lang=it

https://www.admin.ch/opc/it/classified-compilation/20062285/index.html

  • UK

http://www.gmc-uk.org/education/postgraduate/standards_and_guidance.asp

http://www.gmc-uk.org/education/postgraduate/foundation_programme.asp

http://www.foundationprogramme.nhs.uk/pages/medical-students

http://www.gmc-uk.org/education/postgraduate/specialty_including_gp_training.asp

http://www.gmc-uk.org/doctors/before_you_apply.asp

http://www.zonasismica.sism.org/2013/09/specializzarsi-in-regno-unito-istruzioni-per-luso/

  • USA

http://www.fulbright.it/wp-content/uploads/2014/04/9-La-specializzazione-in-medicina-e-chirurgia-negli-USA.pdf

 

Simona Nicoletti, Beatrice Vaccaro e Verena Zerbato del Gruppo (In)Formazione Continua

Chiara Riforgiato e Eleonora Leopardi